L’Acqua&Sapone Unigross saluta Jonas: “Il giocatore più forte che abbiamo avuto”

“Probabilmente il giocatore più forte che abbiamo avuto nella nostra storia. Lo ringraziamo per tutto quello che ci ha dato nei suoi cinque anni con la maglia nerazzurra”.

L’Acqua&Sapone Unigross, attraverso le parole del presidente Nando Barbarossa, saluta Jonas Pinto, che non proseguirà la sua carriera con la società nerazzurra dopo cinque entusiasmanti stagioni.

Arrivato nel 2015, all’età di 31 anni, dopo un lungo corteggiamento, Jonas è stato protagonista assoluto degli anni più vincenti e prolifici fin qui della storia del club. Dopo una prima annata tra alti e bassi, arrivata alla semifinale scudetto contro l’Asti, dal torneo seguente il fenomeno di Blumenau ha iniziato a raccogliere anche in Abruzzo i frutti della sua classe infinita. Prima la Winter Cup nel 2017, poi il triplete del 2018 (scudetto, Coppa Italia e Supercoppa) e infine la Coppa Italia del 2019.

La sua maglia numero 20 un simbolo della storia del calcio a cinque italiano. Tre scudetti, cinque Coppe Italia, 3 Supercoppe e 2 Winter: il curriculum lo rende un campione inarrivabile per tanti.

La famiglia nerazzurra mai dimenticherà le sue giocate, i suoi gol, il suo contributo da fuoriclasse umile e al servizio del gruppo. La perla, manco a dirlo, resterà per sempre quella bomba scagliata da centrocampo all’incrocio dei pali nella notte dello scudetto, l’11 giugno 2018, a Bassano del Grappa contro la Luparense in gara5. “Lo ringraziamo per ogni singola emozione che ci ha regalato in questi cinque anni indimenticabili”, ha aggiunto Barbarossa.

La storia non si cancella. Ora, per Jonas, inizia un nuovo percorso professionale lontano dall’Acqua&Sapone Unigross. Ma, come la società si augura, altrettanto ricco di soddisfazioni e successi. E’ tempo di aprire un nuovo ciclo e rinnovare stimoli e ambizioni. Così è lo sport. Buona fortuna Jonas, la nostra casa sarà sempre la tua casa.

Orlando D'Angelo
Addetto stampa e responsabile della comunicazione - Acqua e Sapone Futsal
Raccontare lo sport, dal campo o da dietro le quinte, in A o nei dilettanti, nei grandi stadi o nei palazzetti, in Italia o in qualsiasi altra parte del mondo. Ovunque rotoli un pallone, regalando emozioni, l’obiettivo è sempre lo stesso: raccontare. Dal 1997 sulle pagine de Il Messaggero, successivamente anche sul Guerin Sportivo, sul Corriere dello Sport e, dal 2009, sulla Gazzetta dello sport. Dal 2010 lavora anche nel futsal: la prima stagione in A2 con l’Adriatica Pescara, dal 2011 è il responsabile della comunicazione dell’AcquaeSapone Unigross Futsal. Con la stessa mission: raccontare lo sport a chi lo ama.