Derby amaro per l’AcquaeSapone Unigross: il Civitella passa (4 a 2) nella ripresa

Lukaian autore del 2-4 nel derby

Non basta il vantaggio di Coco Wellington a fine primo tempo, Misael è scatenato

La traversa di De Oliveira dopo due minuti è un segnale negativo da non sottovalutare: l’AcquaeSapone Unigross perde il derby abruzzese contro il Civitella Colormax (4-2) nella prima giornata di ritorno.

Non basta andare all’intervallo in vantaggio, i nerazzurri crollano nel secondo tempo e non riescono più a sfondare il fortino preparato ad hoc da Morgado e compagni.

Grande aggressività dei ragazzi di Palusci, che costringono Mammarella ad una super parata al 7’ sul tiro ravvicinato di Curri. Passano i minuti e prendono coraggio Coco Schmitt e compagni: ci prova anche Misael dalla distanza con il sinistro, sfiorando il palo. A metà tempo Horvat spreca praticamente dalla linea di porta.

Jonas sinistro basso pericolosissimo. Diagonale di De Oliveira sporcato da un avversario e tolto dall’incrocio da un guizzo di Mazzocchetti. Al 14’ ci prova anche Lukaian in girata dal limite, palla al lato.

La partita si apre e diventa divertente. Il portiere del Civitella s’immola a 4’ dalla pausa sulla ripartenza di Murilo: il sinistro a giro del capitano sbatte sul volto del portiere avversario, che evita il vantaggio.

Ma non c’è solo la squadra nerazzurra in campo. Anzi. Miracolo di Mammarella su Fabinho al 17’. Nel finale, però, è assedio dei ragazzi di Pérez, che sbloccano a 27’’ dall’intervallo. Punizione studiata per portare il pallone nel cuore dell’area dove Coco Wellington, da genio qual è, con il tacco lascia tutti a bocca aperta e firma lo 0 a 1.

La ripresa si apre con un altro intervento da urlo di Mammarella su Morgado dopo 30’’. Cattivo presagio per i nerazzurri, che dopo 50’’ incassano il pareggio: Misael con il sinistro calci indisturbato dal limite e sorprende anche Mammarella. Il volto nuovo del Civitella è scatenato e si concede anche il lusso di ribaltare la partita dopo 4’: ruba palla su angolo dell’AcquaeSapone e s’invola verso la porta, beffando Mammarella in uscita. La squadra di Pérez perde il filo logico del match e subisce anche il gol, ancora in ripartenza: l’assist di Titon a Fabinho viene intercettato da Cuzzolino, per il più classico degli autogol. 3 a 1 e 13’ da giocare. Portiere di movimento immediato con Coco Wellington per rientrare in partita. Passano 5’ ma il bunker di Palusci resiste e costringe Murilo e compagni ad esporsi in modo rischioso. Alla prima occasione buona, il Civitella trova addirittura il poker, ancora con Misael, in serata di grazia. Il ruggito dei leoni torna a farsi sentire a 6’ dalla sirena: Lukaian riapre i giochi con il 2-4. Bisogna premere forte perché il tempo stringe, e perché Mazzocchetti fa gli straordinari. Al 15’ fa un miracolo su Ercolessi, poi si salva quando Calderolli calcia sulla traversa a porta vuota. E’ il manifesto di questo derby amaro per la capolista, che perde l’occasione di lasciarsi tutta la serie A alle spalle.

Martedì 8 dicembre c’è il quarto di finale di Coppa della Divisione contro il Real Rieti: è l’occasione per rialzare subito la testa.

CIVITELLA COLORMAX-ACQUAESAPONE UNIGROSS 4-2 (p.t. 0-1)

CIVITELLA COLORMAX: Mazzocchetti, Rocchigiani, Fabinho, Curri, Morgado, Horvat, Vitinho, Coco Schmitt, Titon, Misael, Romano, Pieragostino, Pavone, Di Paolo. All. Palusci.

ACQUAESAPONE UNIGROSS: Mammarella, Ercolessi, Lima, Redivo, Iervolino, Cuzzolino, Murilo, Calderolli, Lukaian, De Oliveira, Fiuza, Fior, Coco Wellington, Jonas. All. Pérez.

ARBITRI: Morabito (Vercelli), Lamanuzzi (Molfetta), Ariasi (Pescara), crono Iannuzzi (Roma 1).

MARCATORI: nel p.t. 19’33’’ Coco Wellington (A); nel s.t. 50’’ e 3’48’’ Misael (C), 7’07’’ Cuzzolino (A, aut.), 12’44’’ Misael (C), 13’28’’ Lukaian (A).

NOTE: ammoniti Horvat (C), Lukaian (A), Morgado (C).

Orlando D'Angelo
Addetto stampa e responsabile della comunicazione - Acqua e Sapone Futsal
Raccontare lo sport, dal campo o da dietro le quinte, in A o nei dilettanti, nei grandi stadi o nei palazzetti, in Italia o in qualsiasi altra parte del mondo. Ovunque rotoli un pallone, regalando emozioni, l’obiettivo è sempre lo stesso: raccontare. Dal 1997 sulle pagine de Il Messaggero, successivamente anche sul Guerin Sportivo, sul Corriere dello Sport e, dal 2009, sulla Gazzetta dello sport. Dal 2010 lavora anche nel futsal: la prima stagione in A2 con l’Adriatica Pescara, dal 2011 è il responsabile della comunicazione dell’AcquaeSapone Unigross Futsal. Con la stessa mission: raccontare lo sport a chi lo ama.