Le parate di Mammarella non bastano: a Dosson il primo ko in campionato (4-2)

I nerazzurri, avanti con Jesulito e rimontati dalla Came, perdono la testa della serie A

Arriva la prima sconfitta in campionato per l’Acqua&Sapone Unigross. La squadra di Bellarte perde la testa della classifica e viene risucchiata al quarto posto.

Parte forte e mette sotto i padroni di casa, la formazione nerazzurra, ma non trova i gol e viene tenuta in piedi da un Mammarella già in forma Mondiale, come in occasione del destro violento di Japa, che costringe il portiere a fare gli straordinari.

Partita apertissima, in cui emergono le finezze di Jonas, come lo scavino al 12’ che supera il portiere, ma si adagia sopra la traversa. Non passano nemmeno due minuti e Jesulito imita il compagno, trovando però la porta: Acqua&Sapone Unigross in vantaggio al 14’. Nei minuti finali, però, sale il pressing della Came che rovescia gli equilibri sul parquet. Mammarella salva ancora i nerazzurri con un paio di sue tipiche parate mostruose. Ma non può nulla il portierone sul tiro di Ugherani lasciato solo al limite dell’area.

I veneti tornano dall’intervallo più avvelenati e danno un altro ritmo alla loro partita. Partenza dirompente dei ragazzi di Rocha, che costringono Mammarella a fare tre miracoli in due minuti, e trovano anche il gol del sorpasso con Igor che ribatte in rete una respinta dello stesso portiere.

Nerazzurri fuori dalla partita. Serve un episodio favorevole per rovesciare l’inerzia del match ed ecco il rosso a Belsito al 5’. Ma il patatrac è clamoroso: la Came in contropiede segna il terzo gol in inferiorità numerica al 6’. Bisogna immediatamente svegliarsi dall’incubo. Ci pensa Calderolli a rimettere in corsa i suoi dopo altri venti secondi: 3-2. La generosità di Gui a 7’ dalla sirena è l’unico vero segnale di vita offensiva della squadra di Bellarte dalle parti di Pietrangelo. Non resta che rischiare con il portiere di movimento per riacciuffare la partita: dentro Calderolli in maglia verde. Ma se non ci fosse Mammarella ad due minuti dalla fine, la partita sarebbe finita in anticipo: vola fuori dai pali, tutto il palazzetto applaude il campionissimo di Chieti. Non bastano i miracoli del portierone a Dosson: Ugherani mette il sigillo alla partita. Primo ko della stagione per la squadra di Bellarte.

CAME DOSSON – ACQUA&SAPONE UNIGROSS 4-2 (p.t. 1-1)

CAME DOSSON: Pietrangelo, Belsito, Ugherani, Giuliato, Juanfran, Japa, Bertoni, Igor, Azzoni, Grippi, Schiochet, Tondi, Trovato, Azzalin. All. Rocha.

ACQUA&SAPONE UNIGROSS: Mammarella, Houenou, Patricelli, Liviero, Calderolli, Jesulito, Gui, Mambella, Coco Wellington, Avellino, Jonas, Rocha. All. Bellarte.

ARBITRI: Morabito di Vercelli, Falcone di Foggia, crono Tassinato di Padova.

MARCATORI: nel p.t. 13’37’’ Jesulito (A), 17’ Ugherani (CD); nel s.t. 1’30’’ Igor (CD), 6’ Juanfran (CD), 6’24’’ Calderolli (A), 19’36’’ Ugherani (CD).

NOTE: espulsi Belsito (CD) al 6’ s.t. per doppia ammonizione; ammoniti Belsito (CD), Calderolli (A), Avellino (A), Schiochet (CD), Jonas (A).

Orlando D'Angelo
Addetto stampa e responsabile della comunicazione - Acqua e Sapone Futsal
Raccontare lo sport, dal campo o da dietro le quinte, in A o nei dilettanti, nei grandi stadi o nei palazzetti, in Italia o in qualsiasi altra parte del mondo. Ovunque rotoli un pallone, regalando emozioni, l’obiettivo è sempre lo stesso: raccontare. Dal 1997 sulle pagine de Il Messaggero, successivamente anche sul Guerin Sportivo, sul Corriere dello Sport e, dal 2009, sulla Gazzetta dello sport. Dal 2010 lavora anche nel futsal: la prima stagione in A2 con l’Adriatica Pescara, dal 2011 è il responsabile della comunicazione dell’AcquaeSapone Unigross Futsal. Con la stessa mission: raccontare lo sport a chi lo ama.