Il presidente Barbarossa non ci sta: “A Pesaro partita falsata dagli episodi”

Il gol del 4 a 2 segnato da Fortini con una mano (foto Lattanzio)

“Non ci va di fare polemiche contro nessuno né contro gli arbitri, ma è stata una partita falsata che rischia di falsare anche l’andamento dell’intero campionato”.

Se nell’immediato post partita, gli animi erano rimasti calmi in casa AcquaeSapone Unigross, il risveglio è stato furente.

Il presidente Nando Barbarossa, dopo il ko di ieri sera nel posticipo di Pesaro contro l’Italservice, riconosce i meriti sportivi sul campo della squadra avversaria, che ha meritato nei 40’ i tre punti, ma non intende tollerare e far passare sotto silenzio le clamorose interpretazioni degli episodi chiave della partita del PalaNinoPizza, peraltro tutte confermate chiaramente dalle sequenze fotografiche e dalle immagini televisive.

“Onore al Pesaro che giocato meglio e ha meritato la vittoria, ma la partita purtroppo è stata decisa dagli episodi. Certi episodi poi capitano sempre con qualche giocatore. C’è qualcuno che fa il furbo, e gli arbitri ancora oggi ci cascano…”, aggiunge Barbarossa.

Ricapitoliamo:

Episodio 1: la situazione che porta all’inspiegabile rosso per doppio giallo a Coco Wellington. Un giocatore del Pesaro scalcia sulla schiena Avellino senza preoccuparsi del pallone e ad azione ormai interrotta dagli arbitri. Si scatena un parapiglia in cui Coco, senza aver avuto atteggiamenti né plateali né violenti, si avvicina a Caputo e viene punito con il secondo giallo. Nei 2’ di superiorità successivi, il Pesaro segna il 3-2.

Episodio 2: Fortini segna chiaramente con la mano destra il gol del 4-2, alla fine decisivo per il punteggio finale del match (4-3). Sull’assist di Marcelinho, Fortini è avanti con i piedi rispetto al pallone, allarga e alza il braccio destro per “schiacciare” il pallone quasi in stile volley (come da foto Lattanzio).

Orlando D'Angelo
Addetto stampa e responsabile della comunicazione - Acqua e Sapone Futsal
Raccontare lo sport, dal campo o da dietro le quinte, in A o nei dilettanti, nei grandi stadi o nei palazzetti, in Italia o in qualsiasi altra parte del mondo. Ovunque rotoli un pallone, regalando emozioni, l’obiettivo è sempre lo stesso: raccontare. Dal 1997 sulle pagine de Il Messaggero, successivamente anche sul Guerin Sportivo, sul Corriere dello Sport e, dal 2009, sulla Gazzetta dello sport. Dal 2010 lavora anche nel futsal: la prima stagione in A2 con l’Adriatica Pescara, dal 2011 è il responsabile della comunicazione dell’AcquaeSapone Unigross Futsal. Con la stessa mission: raccontare lo sport a chi lo ama.